corso di meditazione
dieci semini di felicità

Ti sei mai trovato a fare i conti con una vita che non ti soddisfa e che ti porta a una visione negativa anche per il futuro? Hai mai desiderato essere da un’altra parte, il più lontano possibile da dove sei? Hai mai cercato di focalizzarti solo sugli obiettivi per non sentire la pesantezza della situazione che stai vivendo? Tranquillo, prima o poi tutti rispondiamo sì a una di queste domande e questo è il motivo per cui iniziamo a soffrire! In questo breve articolo trovi qualche consiglio su come essere felice ora, indipendentemente da quello che c’è o da quello che il futuro ti porterà.

meditazione
L’INTENZIONE È CIÒ CHE CI RESTITUISCE LA LIBERTÀ

La vita si manifesta in molteplici forme che non sempre corrispondono a ciò che ci eravamo aspettati o che avremmo desiderato. Questo accade perché tutto si gioca in un piccolo battito di ciglia che precede il dispiegarsi dell’azione: l’intenzione. Sei mai stato veramente consapevole di questo momento? La risposta puoi trovarla nella qualità della tua vita e nel livello di soddisfazione che provi.

digiuno
DIGIUNARE CON IL CORPO E CON LA MENTE

L’idea di fare un digiuno aveva cominciato ad affascinarmi dopo che avevo ascoltato il racconto di un amico che aveva deciso di digiunare per una settimana in cima al Teide, il vulcano di Tenerife. Mentre lo ascoltavo, ebbi l’impressione di avere già vissuto un’esperienza del genere, anche se non in questa vita, e subito sentii un richiamo profondo…

corso meditazione milano
Corso avanzato di meditazione sulle emozioni e gli stati incommensurabili

Tutti noi desideriamo essere felici eppure a un certo punto del cammino, scendendo sempre più in profondità, ci accorgiamo che essere felici non basta. La felicità è suscettibile agli alti e bassi della vita, va e viene come le onde del mare. Così, a un certo punto del nostro cammino realizziamo che è più importante smettere di soffrire che essere felici. Ma cosa significa smettere di soffrire? È possibile eliminare totalmente la sofferenza dalla nostra vita?

mindfulness
DISCIPLINA ETICA E SERENITÀ

Essere felici è sicuramente il desiderio più condiviso dall’umanità. Ognuno di noi va alla ricerca di questo sacro Graal a modo suo. C’è chi sposa un credo, chi una causa, chi un’emozione, chi un cammino spirituale, chi una filosofia, chi i possedimenti materiali. Non c’è un cammino migliore di un altro perché siamo tutti diversi e ciò che va bene per una persona può non andare bene per un’altra. La realizzazione della felicità, però, qualsiasi sia il cammino scelto per raggiungerla, non può prescindere dal condurre una vita che si basi sull’onestà, sulla verità e sulla non violenza. Senza etica non ci può essere serenità.

Vuoi ritrovare la serenità?
Corso base di meditazione

La felicità è uno spazio sacro, il tuo spazio sacro. Un luogo dentro di te in cui tutto è quieto, silenzioso, gioioso. La meditazione ti insegna a entrare in questo spazio e a restarci il più a lungo possibile.
No, la felicità non ha nulla a che fare con ciò che ti arriva o ti capita, ma solo con il tuo modo di reagire a ciò che ti arriva o ti capita. La felicità parte da te e da te soltanto.

felicità mindfulness
chi si accontenta gode

Chi non è soddisfatto di ciò che ha non sarebbe soddisfatto neppure se avesse ciò che desidera.
(Socrate)
Chiudi gli occhi e ripeti mentalmente questa frase. E ora ti faccio un’unica domanda: ti risuona?
Se la risposta è sì, questo articolo è per te.

forza
ESSERE FORTI SIGNIFICA ACCETTARE DI ESSERE VULNERABILI

Quante volte, in un momento di difficoltà, vi siete sentite dire frasi del tipo: “Smettila di piangerti addosso!”; “Tu sei una tipa tosta, sono certa che ce la farai”; “Reagisci e sii forte!”? È pensiero comune ritenere che nei momenti di difficoltà sia necessario reagire agli eventi dimostrando di essere forti. Lottare anziché arrendersi. Far soccombere le proprie debolezze sotto a una spessa corazza che dimostri al mondo che ce l’abbiamo fatta, che siamo più forti della vita. E se ci fosse un’altra via? Se per lasciare andare i momenti di difficoltà in modo definitivo avessimo bisogno di qualcos’altro?